Studi confermano l’efficacia dell’AMPS

foto gondola 2Uno studio pubblicato di recente sulla rivista PlosOne che ha evidenziato come la stimolazione meccanica automatica periferica (AMPS), erogata con il dispositivo medico Gondola®, consenta di ottenere una maggiore attivazione di aree cerebrali coinvolte nella gestione di informazioni visuo-spaziali e nell’integrazione sensoriale-motoria dei pazienti, in particolare nella corteccia sensori-motoria, del nucleo striato e del cervelletto. I risultati dello studio, che è stato condotto su undici pazienti affetti da Parkinson idiopatico, hanno mostrato una maggior connettività del nucleo striato con la corteccia occipitale laterale destra e il cuneo, nonché del cervelletto con la corteccia occipitale laterale destra. Lo studio è stato condotto da Carlo Cosimo Quattrocchi dell’Università Campus Biomedico di Roma con il coordinamento di Fabrizio Stocchi, Responsabile del Centro per la cura e la diagnosi del Parkinson dell’Irccs San Raffaele di Roma, e ha coinvolto anche l’Unità Operativa di Riabilitazione Neuromotoria dell’Ospedale San Raffaele di Cassino. Un secondo studio conferma ulteriormente il funzionamento di Gondola. Pubblicato sulla rivista International Journal of Engineering and Innovative Technology (IJEIT), questo studio mette in evidenza che anche solo un trattamento di AMPS può migliorare la mobilità dei pazienti con Parkinson idiopatico, riducendo il rischio cadute. Coordinatore dello studio, che ha coinvolto trenta pazienti, di cui quindici affetti da Parkinson e quindici sani per il confronto, Fabrizio Stocchi. Ha partecipato anche il Laboratorio di Analisi del Movimento Luigi Divieti del Dipartimento di Elettronica, Informatica e Bioingegneria del Politecnico di Milano, l’Irccs San Raffaele Pisana di Roma e l’Ospedale San Raffaele di Cassino.
Nell’insieme, sono quattro gli studi pubblicati che costruiscono un quadro di evidenze scientifiche sull’efficacia della terapia AMPS erogata con Gondola® nel trattamento del freezing della marcia e dei sintomi motori, quali la velocità e regolarità del cammino e l’equilibrio.

Stefania Somaré

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Ortopedici e Sanitari © 2017 Tutti i diritti riservati