Storia di un sedile speciale

1559

SuraceNegli anni Cinquanta, in una piccola bottega vicino al Po, un bambino chiamato Nino che aiutava un grande invalido di guerra, Cichin detto “Gamba di legno”, a costruire le prime carrozzelle per invalidi. Ogni tanto andava a trovarli, per ordinare una sedia a rotelle, il dottor Zumaglini, fondatore dell’omonima azienda ortopedica, e talvolta si fermava a chiacchierare con loro. Diceva, guardando il dispositivo wc delle sedie imbottite, «chi inventerà i sedili senza cuciture farà fortuna, perché darà sollievo ai malati». Nino registrava e, a soli 20 anni, aprì una sua bottega. Negli anni Ottanta aveva uno stabilimento e produceva migliaia di sedie a rotelle al mese, di cui 1.500 erano carrozzelle imbottite. L’ex piccolo Nino (ora Diego Surace), poteva finalmente investire in un sogno: fare i sedili imbottiti con tappo wc senza cuciture. Costruì gli stampi e finalmente il sogno divenne realtà. Diego aveva investito molto denaro, il sedile era confortevole proprio come aveva desiderato. Ha venduto molti sedili, tra alterne fortune, ma non quanto immaginava: la novità forse non è stata compresa a pieno.