Protesi d’anca e ginocchio con tecnica robotica, a Verona primato nazionale

0
105
Piergiuseppe Perazzini

Oltre 2 mila interventi di protesi d’anca e di ginocchio in chirurgia robotica per il pioniere della metodica il chirurgo ortopedico Piergiuseppe Perazzini di Verona, che tra l’altro detiene il primato nazionale.

Nel 2018 (fino al 31 agosto), sono stati 5 mila gli interventi totali realizzati in Italia e 2164 di questi sono stati eseguiti dal dott. Perazzini presso la Clinica San Francesco di Verona (dati relativi al 2018 forniti da Stryker, madre della tecnologia Mako).

Un primato che il dott. Perazzini detiene dal 2011 quando effettuò il primo intervento di impianto protesico di ginocchio fuori dagli Stati Uniti. Le competenze e l’esperienza ne hanno fatto il massimo esperto in materia e il punto di riferimento per i colleghi che desiderano imparare a usare il robot Mako, attraverso laboratori tecnici, live surgery e lezioni frontali.

Gli interventi di protesi di anca e ginocchio del dott. Perazzini si caratterizzano per la mininvasività, ovvero conservazione dei tessuti, il che permette un recupero post operatorio più veloce.

Lo staff della Clinica San Francesco ha stabilito un altro primato: è riuscito a effettuare l’intervento di impianto di protesi d’anca con accesso per via anteriore, riducendo ulteriormente i tempi di recupero post operatorio e offrendo al paziente la possibilità di muoversi fin da subito.

Non ultimo, il dott. Perazzini ha fondato il CORE – Centro di Ortopedia Robotica Europeo, che è accreditato come centro ufficiale in Europa di addestramento per l’artroplastica parziale e totale di anca e ginocchio (MAKOplasty) dalla Mako Surgical ed è diventando scuola di formazione per chirurghi ortopedici di tutto il mondo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here