Negli ultimi anni si è spesso sottolineata l’importanza della concavità glenoidale nel fenomeno dell’instabilità di spalla, associata alla dimensione della lesione nella glenoide anteriore, mancano però prove biomeccaniche a sostegno di questa ipotesi.

Una lacuna che ha inteso colmare uno studio tedesco, condotto presso il Dipartimento di Traumatologia, Mano e Chirurgia Ricostruttiva dell’Ospedale Universitario di Münster (Wermers J, Schliemann B, Raschke MJ, Michel PA, Heilmann LF, Dyrna F, Sußiek J, Frank A, Katthagen JC. Glenoid concavity has a higher impact on shoulder stability than the size of a bony defect. Knee Surg Sports Traumatol Arthrosc. 2021 Apr 11. doi: 10.1007/s00167-021-06562-3. Epub ahead of print. PMID: 33839898).
Il lavoro è stato condotto su 17 glenoidi umani da cadavere con un test robotico settato per valutare la concavità osteocondrale e la dimensione del difetto anteriore. Le lesioni dell’osso sono state create dai ricercatori gradualmente.
Le misure morfometriche sono state prese con un braccio 3D.

L’influenza della dimensione della lesione e della concavità sulla stabilità di spalla è stata calcolata con modelli lineari.
Gli esiti indicano che la concavità del glenoide è un predittore significativo per la stabilità di spalla, mentre la dimensione della lesione è meno influente, nonostante quanto si credesse.
Gli autori sono convinti che inserire anche la misura della concavità glenoidale potrebbe modificare alcune decisioni cliniche.

Stefania Somaré

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here