Gonartrosi, chinesiofobia prima causa della paura di scendere le scale

5162
(immagine: Pixabay)

Uno dei principali sintomi dell’artrosi di ginocchio è il dolore, che compare ancora prima della limitazione funzionale e della rigidità che nel tempo si associano alla degenerazione delle cartilagini. D’altronde, il dolore è un tipico sintomo di infiammazione articolare: questo ha la chiara funzione biologica di avvisare il soggetto della presenza di un problema.
Lo specialista può ricondurre il dolore alla causa patologica e avviare così un adeguato percorso terapeutico: il solo riposo non è infatti sufficiente, a volte può peggiorate la situazione perché indebolisce le strutture del ginocchio che possono invece compensare l’artrosi, come legamenti e muscolatura. C’è però un movimento reso particolarmente difficile dal dolore al ginocchio: la discesa delle scale.

Una difficoltà che è stata al centro di uno studio della Facoltà di Medicina e Scienze della Salute del Dipartimento di Neuromedicina e Scienze del Movimento dell’Università di Scienze e Tecnologia Norvegese (NTNU) di Trondheim (Stensdotter AK, Vårbakken K, Roeleveld K. Factors associated with self-rated difficulty to descend stairs in persons with knee osteoarthritis. PM R. 2021 Aug 25. doi: 10.1002/pmrj.12698. Epub ahead of print. PMID: 34432951).
Obiettivo dello studio, capire se questa difficoltà sia oggettiva, quindi legata a debolezza muscolare, stato dell’articolazione, questioni biomeccaniche, o solo soggettiva, quindi dovuta alla paura.

Gli autori hanno analizzato 28 pazienti con artrosi di ginocchio, di età media 62,2 anni, confrontandone i parametri cinematici (angoli tra anca, ginocchio e caviglia), la forza muscolare delle gambe e la fase di stance prima della discesa con quelli di 31 soggetti di controllo, di età media 50 anni.
L’analisi statistica multivariata effettuata ha preso in considerazione anche dati di carattere radiografico, oltre alle difficoltà auto riportate dai partecipanti: questa analisi ha effettivamente evidenziato che il gruppo studio ha una minore forza muscolare e un tempo di stance più lungo rispetto al gruppo di controllo, ma l’associazione più forte individuata dalla regressione è la chinesiofobia, ovvero la paura di provare dolore.

Questa, associata all’intensità del dolore riesce a spiegare quasi al 100% la difficoltà di scendere le scale… al contrario, la variabilità cinematica e la forza muscolare non la spiega. I clinici devono quindi tenere conto di questo aspetto quando un paziente riporta loro di aver difficoltà a fare gli scalini in discesa. E forse sarebbe utile individuare degli strumenti per incidere positivamente su questa paura e favorire il movimento, che comunque ha l’effetto di mantenere attiva la muscolatura.

Esistono dimostrazioni che anche in soggetti più giovani un dolore di ginocchio non adeguatamente trattato porta a una riduzione dell’attività motoria, generando una sorta di spirale negativa che peggiora la condizione fisica del ginocchio e di conseguenza il dolore, riducendo ulteriormente l’attività fisica. Probabilmente occorre trattare il dolore in modo più efficace: d’altronde, la paura di sentire male deriva dall’esperienza dolorosa pregressa e può essere ridotta se il soggetto sa di poter fare il movimento senza sentire troppo male.

Stefania Somaré