Dolore muscoloscheletrico nell’anziano, una soluzione digitale

224

Uno studio prospettico statunitense è stato dedicato alla gestione del dolore muscoloscheletrico in soggetti anziani tramite modalità digitale.

Gli autori, in particolare, hanno voluto capire quali fattori rendono più difficile l’accettazione di un approccio digitale da parte di un soggetto over 65 rispetto a uno più giovane: aspetto necessario per poter strutturare servizi accessibili e al tempo stesso efficaci.

Lo studio si basa su un campione molto ampio, di 12.082 soggetti, tutti seguiti per dolore muscoloscheletrico con un programma digitale per almeno 12 settimane. Di questi soggetti, 4629 (38,3%) hanno meno di 44 anni, 6726 (55,7%) sono nella mezza età, tra i 45 e i 64 anni, e 727 (6%) sono anziani, ovvero over 65.

Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, gli over 65 si sono dimostrati più propensi dei giovani adulti nell’accettare il programma digitale, dimostrando anche un coinvolgimento e un’aderenza terapeutica maggiore, sebbene necessitino di maggiore assistenza tecnica e fatichino a imparare come eseguire un esercizio.

Inoltre, i soggetti anziani dimostrano maggiore interazione con il fisioterapista e più alti score di soddisfazione. Anche per queste ragioni, il programma ha permesso loro di raggiungere interessanti autcome clinici, compresa la riduzione del dolore. Gli esiti clinici sono simili in tutte e tre i gruppi di età.

Per quanto riguarda il tasso di risposta al dolore, questo è del 62,3% negli anziani, del 65,2% negli adulti e del 62,6% nei giovani adulti. Questi risultati suggeriscono di continuare a espandere i programmi di gestione del dolore muscoloscheletrico in digitale… certo, bisogna studiarli perché siano accessibili a tutte le fasce di età, personalizzarli per coinvolgere al massimo i pazienti e, perché no, predisporre dei supporti tecnici per i soggetti meno avvezzi alla tecnologia. Tutte barriere facilmente superabili. D’altronde, si pensava anche che gli smartphone sarebbero restati appannaggio dei più giovani, mentre hanno conquistato anche i senior.

Allo studio hanno collaborato il Dipartimento di Medicina Fisica e Riabilitativa della Uniformed Services University of the Health Sciences di Bethesda, l’Istituto di Scienze Cognitive dell’Università del Colorado, il Dipartimento di Chirurgia della Frank H Netter School of Medicine della Quinnipiac University di Hamden, il Dipartimento di Neurochirurgia del Hartford Healthcare Medical Group e il Dipartimento di Anestesiologia e Medicina di Emergenza della Johns Hopkins School of Medicine di Baltimora.

(Lo studio: Areias AC, Janela D, Molinos M, Moulder RG, Bento V, Yanamadala V, Cohen SP, Correia FD, Costa F. Managing musculoskeletal pain in older adults through a digital care solution: a secondary analysis of a prospective clinical study. JMIR Rehabil Assist Technol. 2023 Jul 19. doi: 10.2196/49673. Epub ahead of print. PMID: 37465960)