Lo studio e lo sviluppo di interfacce uomo/macchina sono fondamentali per l’avanzamento di tecnologie ortopediche, per esempio per il controllo delle protesi mioelettriche, ma anche per lo sviluppo di tecnologie utili per disabilità di carattere neurologico.
Ricercatori del Dipartimento di Ingegneria meccanica e del UK Dementia Research Institute Care-Research Technology Centre (DRI-CRT), entrambi dell’Imperial College, e ricercatori del Dipartimento di Ingegneria meccanica e aerospaziale e del Dipartimento di Ingegneria Elettrica e Computazionale della New York Univesity hanno collaborato allo sviluppo di un nuovo modello per catturare il segnale meccanomiografico (MMG) a partire dalla misurazione della normale pressione cutanea che si applica al sensore nell’area di contatto (Sebastian Mancero Castillo C, Wilson S, Vaidyanathan R, Farokh Atashzar S. Wearable MMG-plus-One Armband: Evaluation of Normal Force on Mechanomyography (MMG) to Enhance Human-Machine Interfacing. IEEE Trans Neural Syst Rehabil Eng. 2020 Dec 8;PP. doi: 10.1109/TNSRE.2020.3043368. Epub ahead of print. PMID: 33290226).

Il nuovo approccio migliorerebbe la risoluzione del segnale della MMG, il che permetterebbe di migliorare le prestazioni dell’interfaccia uomo/macchina. Il disegno meccatronico del modello, la validazione sperimentale e lo studio d’utilizzo di una fascia da braccio con sensori acustici incorporati sono riportati in un articolo pubblicato sull’IEEE Transactions on Neural Systems and Rehabilitation Engineering.

Più nel dettaglio, il modello è stato utilizzato su 10 individui, 7 abili e 3 con amputazione trans-radiale, che hanno permesso di classificare i gesti della mano attraverso MMG mentre gestivano livelli crescenti di forza da contatto.
I canali MMG utilizzati sono 4, posizionati intorno all’avambraccio, sopra il flessore radiale del carpo, il flessore brachioradiale, l’estensore delle dita e il flessore ulnare del carpo. I risultati di questo studio suggeriscono che i sensori MMG inseriti nell’invaso di una protesi di arto superiore ne facilitano il controllo.

Stefania Somaré

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here