In febbraio la Food and Drug Administration ha approvato l’uso compassionevole di un sostituto dell’astragalo paziente-specifico creato con stampa 3D.
L’indicazione riguarda il trattamento della necrosi avascolare della caviglia, una patologia tanto rara quanto grave.
I trattamenti tradizionali riducono la funzionalità articolare, che viene invece conservata con l’impianto di questo dispositivo.

L’impianto è, come detto, paziente specifico, viene quindi progettato sulla base di una TC e poi stampato in una lega cromo-cobalto.

Durante l’intervento viene tolto l’astragalo malato e viene inserita la protesi.
La scelta della FDA si basa sulla valutazione degli esiti ottenuti su 31 pazienti, per un totale di 32 impianti: a tre anni dall’intervento i pazienti riferivano una netta diminuzione del dolore e un miglioramento della funzionalità articolare.

Solo in tre casi è stato necessario operare una seconda volta, per dolore o per tessuto cicatriziale nella sede operata.
Si ricorda che negli USA l’uso compassionevole è consentito per dispositivi che non vengono usati su più di 8.000 pazienti l’anno in tutto il territorio nazionale.

Stefania Somaré

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here