Salute e comfort a 360 gradi

1704

La parmense CA-MI  è pronta ad affrontare il 2015 con una serie di nuovi investimenti e produzioni destinati a trovare visibilità nel corso di alcuni appuntamenti fieristici internazionali già in calendario, in linea con una storia trentennale fatta di innovazione continua, di ricerca e di sviluppo.KAMILA-178 copy
La vicenda imprenditoriale di CA-MI affonda le sue radici all’inizio degli anni Ottanta dello scorso secolo, quando vennero alla luce i primi prodotti e i primi progetti curati direttamente dall’azienda. Con quartier generale a Pilastro, in provincia di Parma, CA-MI  si è caratterizzata sin da subito come una tipica società a conduzione familiare e identica è rimasta la sua natura anche nei primi decenni del nuovo millennio. Nel corso del tempo l’impresa emiliana ha sviluppato le capacità necessarie per presidiare con successo due diversi aspetti del business contemporaneo. Ha cioè conservato intatta la sua vocazione di produttrice e allo stesso tempo si è validamente posizionata anche sul fronte della distribuzione. E tra i punti di forza di una storia ormai lunga ben trent’anni si segnala senza dubbio la vastità della sua gamma. Essa comprende infatti calze medicali e apparecchiature per la aerosolterapia; accanto ad aspiratori chirurgici, contenitori di raccolta liquidi e, solo per citare qualche altro esempio, misuratori di pressione e termometri. Con l’eccezione di alcune linee, come si avrà modo di vedere in seguito, il catalogo di CA-MI  è composto da articoli che sono il frutto dell’attenzione con cui a Pilastro si è sempre guardato a ricerca, sviluppo e innovazione. L’anno che verrà dovrebbe salutare l’ingresso in scena di novità già pronte a essere presentate ufficialmente in un tour che vedrà l’azienda presenziare i più importanti appuntamenti fieristici globali del settore. «La determinazione con la quale CA-MI  punta a crescere ulteriormente con budget dedicati», ha fatto sapere l’azienda a Ortopedici e Sanitari, «non si ferma qui. I progetti in fase di realizzazione e previsti per la seconda metà del 2015 sono già in cantiere e, come sempre, tutti i nuovi dispositivi sono progettati dal nostro reparto interno di ricerca e sviluppo, in collaborazione con medici specialisti e in regime di Uni En Iso 9001:2008 e En Iso 13485:2003. Sono certificati con l’ente tedesco TUV SÜD Product Service GmbH (CE0123), prima dell’avvio della produzione finale negli stabilimenti italiani dell’azienda e della presentazione in occasione dei principali eventi fieristici e congressuali in Italia e all’estero. Tra questi ricordiamo le kermesse Exposanità e Cosmofarma in Italia, Medica (in calendario a Düsseldorf), non da ultimo Arab Health (a Dubai)».

Un’offerta completa per ogni esigenzaKIWI
La fine dello scorso anno aveva coinciso con una importante operazione di ampliamento della proposta identificata con il brand Kamila, alla quale si sono aggiunti i supporti ortopedici della famiglia Ortho, ovvero cavigliere, polsini, ginocchiere e cinture. Tra i fiori all’occhiello dell’offerta del produttore e distributore parmense, l’etichetta Kamila è stata ideata e lanciata nel 2011 e ha rappresentato l’esordio di CA-MI  nel comparto della elasto-compressione. Le calze Kamila sono disponibili sul mercato in tre differenti varianti: le preventive Support; le medicali e terapeutiche Coty e Micro; infine con i modelli anti-embolia Embo-Control. Le seconde, secondo quanto è stato reso noto dalla stessa CA-MI, hanno già ottenuto la certificazione RAL in virtù della loro qualità. La scelta di dare vita a questa nuova linea ha altresì portato l’azienda a una decisione importante, ovvero quella di trasferirsi in un nuovo stabilimento, più grande e dunque in grado di accogliere un personale numericamente in crescita e nuove quantità di merci da stoccare a magazzino. La strategia di realizzazione e commerciale di Kamila è stata affidata alla competenza ultraventennale degli esperti Mario e Lidia Santarpia. Si tratta di due specialisti del segmento elasto-compressivo, attivi in questo caso in qualità di responsabili della produzione, della gestione e della vendita del marchio. «Nel progettare la nostra nuova linea di calze», hanno commentato Mario e Lidia Santarpia, «abbiamo preso come riferimento i migliori prodotti esistenti sul mercato, ovvero quelli tedeschi e quelli svizzeri, allineandoci ai loro standard qualitativi decisamente molto elevati e prestando pertanto la massima attenzione alla scelta dei filati e all’eccellenza delle lavorazioni, per poter così essere in grado di garantire il mantenimento della compressione dichiarata anche a seguito di numerosi lavaggi. E il fatto di essere riusciti a raggiungere questo obiettivo è dimostrato dall’ottenimento da parte delle nostre calze della certificazione Ral», datata alla fine del 2012, a un anno dal battesimo ufficiale della linea, e rilasciata, come brevemente accennato, a garanzia della compressione dichiarata dal fabbricante, è una testimonianza del loro indiscusso livello qualitativo. «Abbiamo anche cercato di contenere il più possibile i costi», hanno proseguito, «in maniera da riuscire a offrire una grande qualità a un prezzo senz’altro competitivo. Non abbiamo tralasciato nessun aspetto, nemmeno la possibilità di presentare un’ampia scelta di gamma, specie nelle nostre calze preventive da riposo, disponibili a maglia liscia, ma anche a rete, a doppia rete e a punta aperta, e in vari colori. Ad alcuni modelli abbiamo aggiunto perfino un tocco elegante e civettuolo, così da far percepire all’utilizzatore finale il nostro prodotto come una calza normale. I modelli particolari come quelli a punta aperta oppure calibrati e super calibrati in varie denarature, per vestire con il massimo comfort ogni consumatrice, sono per noi molto importanti. Nel modello da uomo (che piace molto anche alle donne) viene utilizzato il cotone con la microfibra per ottenere un gambaletto in trama molto morbido, traspirante e di grande comfort (mm-Hg 18/20). Per quelle terapeutiche-medicali abbiamo, invece, predisposto due versioni: una in cotone e l’altra in microfibra, nei vari modelli».

Qualità riconosciuta e certificata
Le tre diverse tipologie di calze marchiate Kamila, che sono state classificate come dispositivo medico di Classe I vengono realizzate interamente in Italia e questa politica permette a CA-MI di assicurarsi un controllo completo sulla qualità attraverso tutto il loro ciclo produttivo. Inoltre la scelta ha consentito all’azienda di conseguire un risultato di enorme rilievo. Capace oggi di vendere in ben 90 nazioni del mondo, CA-MI può per questo contare su una vasta rete di agenti e distributori nei settori ospedaliero, clinico e della rivendita specializzata. E anche durante il 2014 ha messo a punto e ufficializzato alcune new entry, contrassegnate come da tradizione da un design innovativo, da soluzioni tecnologiche all’avanguardia, nonché da un servizio moderno ed efficiente. Fra queste c’è l’apparecchio per aerosolterapia Kiwi: un sistema a Mesh di ultima generazione che combina il meglio dei tradizionali compressori a pistone (ovvero la loro la velocità) e di quelli a ultrasuoni (cioè la silenziosità e la portabilità). Segue poi Naso-Free, una doccia nasale nata con materiali anallergici e biocompatibili per il lavaggio e il trattamento delle cavità nasali. Ritenuto ideale per l’infanzia «ma molto apprezzato anche dagli adulti» è il termometro a raggi infrarossi T-Flash, che è stato progettato per una rapida misurazione della temperatura corporea a 3 centimetri di distanza. Ulteriore debuttante nel bouquet di CA-MI è stato quest’anno My-Tens, un elettrostimolatore adesivo senza fili per il trattamento dei dolori attraverso la tecnologia Tens, che promette di poter essere utilizzato in maniera estremamente semplice e intuitiva. Ha trovato spazio nel catalogo del produttore e distributore emiliano anche il misuratore di pressione My-Pressure 2.0. Fra i suoi tratti distintivi l’azienda ha segnalato il display spazioso e comodo, a sua volta improntato alla massima facilità di utilizzo My-Pressure è disponibile sui mercati a un costo considerato competitivo e «alla portata di tutti» e può altresì vantare la validazione da parte della Esh (European society of Hypertension o Società europea di ipertensione). Degno di interesse è l’aspiratore Askir 118. Come suggerisce la stessa sua denominazione, questo strumento è stato sin da principio pensato per essere posizionato sui veicoli sanitari o su quelli di emergenza. Può sfoggiare caratteristiche di gestione elettronica che CA-MI ha descritto come «altamente innovative» nel novero delle quali si contano le funzionalità feedback system e proximity. Chiude la carrellata delle offerte che CA-MI ha messo a punto durante il 2014 un articolo del quale la società fondata nel 1984 cura esclusivamente la distribuzione. Il riferimento è ai misuratori di pressione giapponesi issei, disegnati e progettati da Kazuo Kawasaki e pronti grazie al rapporto fra qualità e prezzo, stando a quanto detto da CA-MI, a insidiare la leadership di altri noti costruttori del panorama.

Roberto Carminati