Rottura del tendine d’Achille, quale differenza tra gesso e tutore removibile?

0
278
Tendinopatia d'Achille, IOR arruola pazienti per sperimentazione

Qual è la migliore modalità di intervento in presenza di una rottura acuta del tendine d’Achille? Manca in realtà un consenso internazionale al riguardo, in particolare i dubbi riguardano quando intervenire chirurgicamente e quando no, l’uso di tutori e i tempi da rispettare prima di caricare il peso sul piede.

Questo genere di lesione è abbastanza frequente: colpisce soprattutto adulti nella quarta o quinta decade di vita, con un’incidenza di circa 31-35 soggetti ogni 100.000.

Uno studio danese si concentra in particolare sulla questione dei tutori, mettendo a confronto gli esiti di un trattamento nelle prime tre settimane dopo la rottura del tendine con una ingessatura o con un tutore da deambulazione rimovibile (walker).

Per misurare gli esiti gli autori hanno deciso di considerare: l’indice Achilles tendon Total Rupture Score – ATRS, una misura non oggettiva, perché basata sulla percezione del paziente, ma adatta a capire l’intensità dei sintomi e l’impatto degli stessi sulla vita del soggetto; l’indice Achilles tendon Resting Angle – ATRA per misurare l’elongazione del tendine, l’indice Heel-rise Height – HRH e l’incidenza di ri-rottura a 12 mesi. 1304 i pazienti coinvolti, individuati all’interno del Danish Achilles tendon database – DATD, un database avviato nel 2012 per facilitare studi epidemiologici e di economia sanitaria.

I pazienti sono stati quindi suddivisi in due gruppi in base al trattamento ortesico seguito. 764 sono rientrati nel gruppo walker: di questi, 81 sono stati prima operati. 540 sono invece i pazienti trattati con il gesso per le prime 3 settimane e poi con un walker: di questi 132 sono stati operati prima dell’uso dell’ortesi.

La principale differenza tra questi due gruppi riguarda l’inizio della riabilitazione: chi ha utilizzato un tutore per deambulazione removibile ha potuto muovere la caviglia sin dalla prima settimana.

Nonostante ciò, i risultati delle analisi condotte dagli autori, e il confronto tra i diversi indici elencati sopra, non mostrano alcuna differenza significativa tra le due modalità di intervento, né in termini di sintomatologia, né di allungamento del tendine.
Ciò contrasta, a detta degli stessi autori, con gli esiti di alcuni studi già presenti in letteratura, che indicano il gesso come più a rischio di ridurre l’allungamento del tendine.

Inoltre, a differenza di quanto si pensi, lo studio mostra che la riabilitazione precoce sulla caviglia, comprensiva di carico, non causa elongazioni o nuove rotture nel tempo: si può quindi ritenere sicura.

La prassi vuole che, dopo una rottura del tendine d’Achille, la caviglia resti immobilizzata per almeno otto settimane.
Da la mancanza di reali differenze negli outcome dei pazienti dei due gruppi studiati, però, gli autori suggeriscono che il metodo con tutore sia vantaggioso rispetto a quello con gesso, almeno in termini di comodità e costi.

Un tutore può essere rimosso in autonomia, a casa, senza richiedere, come è invece per il gesso, una visita medica.
Inoltre, il gesso aumenta il rischio d’incorrere in trombosi venosa profonda, richiedendo l’uso di farmaci anticoagulanti, cosa che invece non succede con il tutore rimovibile.

Anche questo studio ha le sue limitazioni: i pazienti coinvolti sono tra loro molto differenti in termine di età, percorso riabilitativo seguito, comorbidità ecc.
Tuttavia, questo può essere anche un vantaggio, perché possono essere rappresentativi della popolazione. Certo, il campione ha una dimensione ragguardevole, il che rende i risultati raggiunti abbastanza forti.
Presentato su Foot and Ankle Surgery, lo studio nasce dalla collaborazione tra il Copenaghen University Hospital, l’Aalborg University Hospital e il Næstved-Slagelse-Ringsted Hospital.

(Lo studio: Henriksen GJ, Cramer A, Hölmich P, Hansen MS, Hansen JK, Christensen M, Barfod KW. Treatment outcome at 1 year did not differ between use of cast or walker in the first 3 weeks after an acute Achilles tendon rupture. A registry study of 1304 patients from the Danish Achilles tendon database. Foot Ankle Surg. 2022 Sep 15:S1268-7731(22)00174-6. doi: 10.1016/j.fas.2022.09.004. Epub ahead of print. PMID: 36163152)

Stefania Somaré