Riabilitazione in wireless

1878

FSM_Braccio roboticoStrumenti tecnologici a basso costo, come la Console Nintendo WII per affinare le tecniche di riabilitazione utilizzando tecnologie low cost e controllare l’efficacia dell’esercizio riabilitativo dei pazienti grazie al controllo a distanza. È l’obiettivo raggiunto all’Istituto Scientifico di Telese Terme Irccs della Fondazione Salvatore Maugeri dopo il buon esito della sperimentazione ministeriale (progetto di ricerca industriale sviluppato presso l’Istituto “Messa a punto di nuove metodologie per la Tele-Riabilitazione Neuromotoria” del Miur) che ha validato in oltre cinque anni di monitoraggio l’uso di queste strumentazioni. Presso l’Istituto Scientifico di Telese Terme sono state installate undici stazioni tecnologiche, munite di dispositivi a basso costo come la Console Nintendo WII, che sono entrate a far parte del programma terapeutico-riabilitativo standard per i circa 500 pazienti in cura ogni anno presso l’Unità Operativa di Riabilitazione Reumatologica, Ortopedica, Terapia Occupazionale ed Ergonomia guidata da Nicola Pappone e presso l’Unità di Riabilitazione Neuromotoria diretta da Bernardo Lanzillo, tutti con gravi disabilità motorie secondari a una grave malattia del sistema nervoso o a incidenti traumatici. Sono sei le tipologie di strumenti in uso per per migliorare le performance motorie; tra queste la deambulazione, mediante ilsistema Kineview per l’analisi del cammino, la destrezza dell’arto, grazie al braccio robotico e al dispositivo Motor Imagery, l’equilibrio e la postura, con la Console Nintendo WII e il Treadmill in allevio di carico, e l’orientamento spaziale, con la Pedana baropodografica per il controllo delle pressioni plantari. «La Motor Imagery», afferma Pappone, «è un dispositivo che consente al paziente di immaginare la presa di un oggetto, per esempio un utensile, grazie a pc e microfono. L’evidenza scientifica dimostra che la semplice immaginazione del movimento migliora la plasticità neuronale e favorisce un miglior recupero funzionale del soggetto. La Console Nintendo WII invece, conosciuta soprattutto dai giovani per le applicazioni ludiche, consente attraverso uno dei software, la WII Balance board (bilancia elettronica dedicata al fitness) di eseguire, in ospedale come a casa, una serie di esercizi che si basano sulla simulazione di attività sportive che favoriscono il recupero di alcune abilità funzionali residue precedentemente compromesse». «In un contesto sociale di risorse scarse», prosegue il dr. Bernardo Lanzillo, «dove stiamo assistendo a un significativo aumento dell’età media della popolazione e alla relativa richiesta di maggiori prestazioni sanitarie è fondamentale lo sviluppo di strumentazioni a basso costo che permettano di supportare e integrare il processo di riabilitazione, nell’ottica di ottimizzare il recupero senza alterare la qualità del risultato finale». Nei progetti futuri dell’Istituto di Telese c’è il passaggio all’assistenza riabilitativa domiciliare eseguita in modalità remota. Grazie alla diffusione capillare di questa tecnologia low cost si svilupperanno protocolli sperimentali di riabilitazione gestibili in maniera autonoma dal paziente con l’assistenza specialistica teleguidata dello specialista.