Frattura di femore, quanto conta la muscolatura del tronco per la ripresa del passo?

328

Un indice di massa muscolare del tronco superiore o uguale a sei indica maggiore probabilità di un pieno recupero del passo dopo il percorso riabilitativo.

Quasi due terzi dei soggetti che si fratturano il femore non riescono a recuperare completamente l’abilità al passo nonostante i percorsi riabilitativi, il che impatta fortemente a livello personale, famigliare e sociale.
Capire quali fattori incidono sulla possibilità di un recupero del passo che sia almeno soddisfacente è quindi importante per poter fornire indicazioni d’azione più chiare ai professionisti che gestiscono le fratture di femore.

Uno studio giapponese indaga il ruolo dell’indice di massa della muscolatura del tronco e di quello della muscolatura scheletrica degli arti in quest’ambito. Il Giappone ha un particolare interesse nel capire come mantenere l’autonomia dei propri anziani, dal momento cha ha una delle popolazioni più vecchie del pianeta, proprio come l’Italia.

Il campione di pazienti preso in esame

Lo studio è retrospettivo e coinvolge 314 pazienti già trattati per una frattura di femore e quindi ricoverati nel reparto riabilitativo del Chuzan Hospital di Okinawa.

Tutti i partecipanti hanno più di 70 anni e sono stati sottoposti al momento del ricovero a misurazione dell’indice di massa muscolare del tronco (TMI) e degli arti (ASMI) tramite analisi dell’impedenza bioelettrica (BIA), eseguita da un esperto.

Tutti i pazienti sono stati sottoposti a un percorso riabilitativo composto da terapia fisica e occupazionale, di durata variabile tra i 60 e i 180 minuti al giorno. Per scendere nel dettaglio, la terapia fisica somministrata include cammino, permanenza in posizione eretta, trasferimenti, mentre quella occupazionale ha lavorato sulla capacità di cambiarsi, occuparsi del proprio igiene e simili.

Gli autori hanno diviso i pazienti in due gruppi, a seconda dell’indipendenza raggiunta nel cammino, misurata con l’indice functional indipendence measure (FMI): se superiore o maggiore di sei, i pazienti sono stati inseriti nel gruppo indipendente (243), se inferiore o uguale a cinque, invece, sono entrati nel gruppo dipendente (80). Tutti i dati raccolti sono stati quindi analizzati statisticamente per individuare delle correlazioni.

Confermato il ruolo della muscolatura del tronco nell’indipendenza del passo

Le analisi permettono di individuare un trend: i pazienti indipendenti nel passo sono generalmente più giovani, hanno un indice di massa muscolare maggiore, sia al tronco che agli arti, e presentano punteggi migliori sia per il Mini-Mental State Examination-Japanese (MMSE-J) che per il Mini Nutritional Assessment-Short Form.

Andando più in profondità, gli autori hanno osservato che il valore di TMI al ricovero presenta un maggior potere predittivo verso gli esiti del percorso riabilitativo rispetto a quello di ASMI: sarebbe quindi utile misurarlo sempre all’ingresso in una struttura riabilitativa, così da poter calibrare il percorso riabilitativo e magari puntare su un maggior recupero dell’indipendenza.

Interessante sottolineare anche precedenti studi hanno sottolineato come, a una riduzione della massa muscolare del tronco, i soggetti anziani corrano maggior rischio di cadere e fratturarsi il femore: il TMI potrebbe quindi essere utilizzato anche per individuare gli anziani a maggior rischio di frattura, così da avviare una serie di misure di protezione, inclusi esercizi di rinforzo della muscolura della schiena.

Questo lavoro, come altri già pubblicati, non fanno che supportare l’idea sempre più diffusa della necessità di praticare attività sportiva lungo tutto l’arco della vita, così da preservare una muscolatura forte, capace di proteggere le eventuali debolezze dello scheletro.

(Lo studio: Ryo Shiraishi, Keisuke Sato, Nobumasa Chijiiwa, Takahiro Ogawa, Relationship between Trunk Muscle Mass Index at Admission and Walking Independence in Patients with Hip Fracture, Progress in Rehabilitation Medicine, 2023, Volume 8, Released on J-STAGE October 17, 2023, Online ISSN 2432-1354, https://doi.org/10.2490/prm.20230036, https://www.jstage.jst.go.jp/article/prm/8/0/8_20230036/_article/-char/en)