Infezioni degli impianti ortopedici e rivestimenti antibatterici

1221

Uno studio condotto da un’équipe afferente all’Università di Milano in collaborazione con il Dipartimento di Chirurgia Ortopedica della Graduate School of Medical Science dell’Università di Kanazawa, in Giappone, si è posto l’obiettivo di capire in che modo affrontare le infezioni degli impianti ortopedici, una delle principali ragioni di fallimento della presa in carico di un trauma o di una patologia ortopedica.

La ricerca ha portato, nel tempo, diversi rivestimenti antibatterici che sono risultati sicuri e in grado di ridurre l’evento avverso “infezione” del 90%, ma ancora non vengono utilizzati su larga scala.
I ricercatori hanno verificato che questo ritardo di applicazione ha un costo di 440 milioni di euro l’anno in tutta Europa, solo considerando le artroplastiche e i costi ospedalieri aggiuntivi, a fronte di 35.200 nuovi casi d’infezione post-operatoria e di un costo per singolo rivestimento di 600 euro.

La conclusione è stata: pensare a una politica di rimborso di questi rivestimenti sarebbe certamente vantaggioso per i pazienti, che affronterebbero l’intervento in maggiore sicurezza, ma anche per i sistemi sanitari.

Stefania Somaré