Dal grafene nuove protesi ossee personalizzate

0
149
Il team di lavoro: Marta Barba, Lorena Di Pietro, Massimiliano Papi, Wanda Lattanzi, Valentina Palmieri
Il team di ricerca: Marta Barba, Lorena Di Pietro, Massimiliano Papi, Wanda Lattanzi, Valentina Palmieri

Dalla ricerca, passi in avanti verso la realizzazione di protesi ossee personalizzate.

Ricercatori della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma, in collaborazione con esperti dell’Istituto dei Sistemi Complessi del Consiglio Nazionale delle Ricerche di Roma, hanno infatti sviluppato “fogli nanotecnologici” di grafene da utilizzare come stampi in 3D su cui si crea il nuovo tessuto osseo.

In pratica, i ricercatori hanno scoperto che se con un laser disegnano sul foglietto di grafene una figura e lo mettono poi in contatto con cellule staminali, solo quelle che si depositano sulla figura diventano poi mature e originano osso.

Da qui la possibilità di personalizzare le protesi.

Il grafene ha in più un’altra caratteristica interessante: è antibiotico. Una caratteristica molto utile, dal momento che uno dei principali problemi che si verificano dopo l’inserimento di materiale sintetico in un organismo è proprio l’infezione.

Il professor Massimiliano Papi spiega: «La possibilità di modulare spazialmente la componente ossea permetterebbe di poter disegnare tessuti ad hoc ovvero ‘personalizzati’ a seconda del tipo di esigenza anatomica e patologica del singolo paziente. Nel nostro lavoro, abbiamo dimostrato che è possibile controllare il modo in cui le cellule staminali migrano, si orientano, si accumulano e ‘maturano’ su una superficie appositamente progettata con uno specifico disegno laser. La nostra strategia potrebbe rivoluzionare la medicina e la chirurgia rigenerativa perché ci consente di progettare una struttura ossea personalizzata su una superficie antibatterica».

Lo studio “Reduction and shaping of graphene-oxide by laser-printing for controlled bone tissue regeneration and bacterial killing” di Valentina Palmieri, Marta Barba et al. è stato pubblicato su 2D Materials vol. 5 (1).

Stefania Somaré

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here