Lussazione alla spalla: un metodo tutto italiano per trattarla

Lussazione alla spalla: un metodo tutto italiano per trattarla

Marco Maiotti

Si chiama ASA, ovvero Augmentation Artroscopico del Sottoscapolare, il metodo artroscopico made in Italy per trattare le lussazioni della spalla.
A idearlo è stato il professor Marco Maiotti (nella foto), primario dell’Unità Operativa Complessa di Medicina e Traumatologia dello Sport dell’Azienda Ospedaliera San Giovanni Addolorata di Roma: «questa tecnica permette di trattare pazienti dai 15 anni in su, soprattutto quando il tradizionale intervento di riparazione artroscopica espone a un’elevata percentuale di recidive e l’intervento di Latarjet è sovra-indicato», spiega il professor Maiotti. «In questo modo si può dare alla spalla la giusta stabilità, senza comprometterne la mobilità articolare e senza dover eseguire interventi più complessi e a cielo aperto che, pur essendo efficaci per il ripristino della stabilità, prevedono l’utilizzo di viti o placche di metallo che, se mal posizionate, possono determinare gravi complicazioni».

Questo metodo, già utilizzato in circa 500 pazienti negli ultimi 8 anni, presenta un tasso di recidive basso, pari al 3%, e comunque causate da traumi ad alta energia.
Inoltre, consente una ripresa più rapida nei pazienti che, se sportivi, possono tornare a praticare in 3 mesi. Unica controindicazione, la presenza di un danno osseo glenoideo evidenziato dalla TAC.

Stefania Somaré

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Ortopedici e Sanitari © 2018 Tutti i diritti riservati